giovedì 18 gennaio 2018

La rivoluzione nella gestione dei materiali post consumo a Roma

Molti di voi avranno notato che tutto quello che succede a Roma viene raccontato in maniera distorta e amplificato dai media locali e nazionali. Siamo in campagna elettorale e i vecchi partiti credono ancora di essere delle vecchie volpi.

Girando per la città vi renderete sicuramente conto della fantomatica ‘emergenza’ che come potete vedere è ben diversa dall’apocalisse che vi stanno raccontando. Stiamo superando le criticità delle festività natalizie che si verificano a Roma, OGNI ANNO, a causa della mancanza di un piano regionale che NON è ancora stato aggiornato.

Vi ricordo inoltre che il nuovo modello di raccolta domiciliare nel quartiere ebraico ha raggiunto in un solo mese l'85% di differenziata. A partire da fine febbraio questo nuovo servizio sarà esteso anche ai 500.00 abitanti del VI e X Municipio. Diecimila contenitori condominiali, 107 mila kit per le utenze domestiche e 19 mila kit per quelle non domestiche, saranno distribuiti in 4 mesi grazie a un protocollo d’intesa tra Campidoglio, Ama e Conai (Consorzio Nazionale Imballaggi).

A breve, entro gennaio, 85 nuovi mezzi potenzieranno la flotta di Ama. Vogliamo ridurre entro il 2021 la produzione di rifiuti annuali di 200mila tonnellate e aumentare la raccolta differenziata dal 44% al 70%. Il NOSTRO Piano per la gestione dei materiali post- consumo, non solo è stato messo nero su bianco, ma è già partito e comincia a dare i primi evidenti risultati.